lundi 22 décembre 2014

In Belgio i cantori dell'austerità li accolgono cosi!



Charles Michel, primo ministro liberale, ed alfiere dell'austeità per i belgi, viene accolto da un lancio di "frites" e mayonnaise. C'é da dire che fa buon viso a cattivo gioco!

Ve la immaginate una scena simile in Italia?

samedi 20 décembre 2014

Semestre italiano Presidenza dell' UE: dietro i proclami ben poca cosa

La Presidenza italiana dell'Unione europea, iniziata in grande pompa da Renzi il 2 luglio scorso a Strasburgo, quando comparava la staffetta alla Presidenza europea tra Grecia ed Italia ad uno scambio tra Pericle e Cicerone, é stata subito inghiottita dal silenzio della calura estiva.


Il cinguettio dell'uccelino della Presidenza é iniziato soltanto il 23 ottobre , in prossimità del Consiglio Europeo, https://twitter.com/IT2014EU insistendo sulle gesta dell'astronauta Luca Parmitano, la cui pertinenza col semestre italiano é tutta da dimostrare...

Per restare fattuali, se diamo un'occhiata al Programma ufficiale della Presidenza italiano,  http://italia2014.eu/media/1350/programma_ita_def.pdf, questo
appare più come un libro dei sogni piuttosto che azioni da ottenersi in quattro mesi (tenendo conto della pausa estiva).

Obiettivi principali della Presidenza Renzi erano la crescita economica assieme alla diminuzione della disoccupazione, che culmina con più di 26 milioni di disoccupati in Europa. 

Riguardo alla crescita,  EUROSTAT ci dice che il prodotto nazionale lordo, per il terzo trimestre 2014 é cresciuto di appena lo 0,2% nell'UE dell'euro (a 18) e del 0,3% nell'UE a 28, mentre questa crescita nel secondo trimestre era dello 0,1% per la zona euro e dello 0,2% per l'UE a 28.
In Italia i dati sono peggiori, in quanto si é tecnicamente in  recessione, poiché il PIL é diminuito del 0,1% nel terzo trimestre 2014 e del 0,2% nel secondo trimestre.

Tassi di crescita economica incapaci quindi di stimolare consumo ed occupazione, riguardo alla quale non sono ancora disponibili i dati del 2014.

Nessun risultato per Renzi riguardo alla revisione delle regole della governance economica, dove i principi di bilancio del Patto di Stabilità e crescita (rapporto massimo tra debito pubblico e PIL inferiore al 60% e rapporto  tra deficit di bilancio e PIL inferiore al 3%) http://it.wikipedia.org/wiki/Patto_di_stabilit%C3%A0_e_crescita#Gli_Stati_membri_dell.27UE_secondo_i_parametri_del_PSC, esecrati da Paesi indampienti come Italia e Francia, restano per la Merkel ancora scolpiti nel marmo...

Niente da fare neanche riguardo all'introduzione di criteri di flessibilità riguardo agli investimenti nazionali relativi all'EFSI (Fondo europeo di investimenti startegici) che dotato di 21 MLD di € di fondi comunitari, ne dovrebbe mobilizzare, secondo il verbo magico di Juncker, ben 315 MLD di investimenti negli Stati Membri. Infatti l'adozione di questo fondo non é stata discussa durante la presidenza europea e tutto slitterà o a gennaio o al vertice dei Capi di Stato di febbraio.

Nel campo della politica estera europea l'unico risultato concreto portato a casa di Renzi appare la nomina di Federica Mogherini al ruolo di alto Rappresentate degli affari esteri  e della politica di sicurezza. Ma l'importanza di questo ruolo viene sminuito dal fatto che nella PESC le decisioni vengano prese dal Consiglio all'unanimità, fattore che spiega la timidezza della PESC, impedita nel suo progredire dalle rivalità tra Stati membri.

Rivalità tra stati membri che hanno permesso si' l'adozione delle sanzioni europee nei confronti della Russia per l'invasione della Crimea e dell'Ucraina, ma che lasciano apertamente intravedere posizioni politiche quasi opposte tra Stati membri dell'UE nei confronti della Russia, in cui l'Italia e la Francia impersonano il ruolo delle colombe e Germania, Polonia ed i Paesi baltici quello dei falchi .



Un altro slogan  prioritaro della presidenza italiana era di "cambiare la marcia alla politica estera dell'Europa" mettendo l'enfasi sulla politica di allargamento.
A tutt'oggi le negoziazioni sono in a scorso soltanto con Serbia e Montenegro, mentre sono in pratica al punto morto con Turchia (dopo che Erdogan si sta rivelando sempre di più un autocrate), Albania, Macedonia, tutti paesi invece di sommo interesse per la politica estera italiana!

Un altro focus del programma della Presidenza italiana  verteva sull'area mediterranea, in particolare nel Nord Africa e nel Medio Oriente. I risultati della PESC nel semestre trascorso in queste aree sono praticamente nulli, se non di arretramento. Basti pensare alla Libia in preda ormai ad una guerra tra bande rivali, al rinfocolarsi del conflitto israelo-palestinese a causa delle continue provocazioni politiche e militari israeliane, allo stallo della tragedia siriana o al deteriorarsi della situazione in IRAQ a scapito delle forze governative, assediate dalle milizie dello Stato islamico.

Le poche vittorie nel carniere della Presidenza europea di Renzi riguardano:

- i regimi contro l'elusione e l'evasione fiscale, con l'approvazione di  una direttiva relativa alla tassazione delle multinazionali riguardo alla casa madre ed alle filiali nei differenti Paesi e lo scambio automatico tra paesi membri delle informazioni fiscali;
-l'adozione della direttiva per la limitazione draconiana dell'uso dei sacchetti di plastica


Veramente troppo poco per chi aveva promesso a luglio a Strasburgo un semestre in cui si sarebbe dovuto "ritrovare l'anima dell'Europa, ...il senso profondo dello stare insieme...rispetto ad un'Europa che nel  suo "selfie" appare col volto della stanchezza e della rassegnazione"



Abbiamo l'impressione che del semestre di Renzi all'UE non resteranno che gli attacchi strumentali a Junkers ed alla "burocrazia di Bruxelles" per mascherare il mancato rispetto dei vincoli di bilancio, e la canzonetta canticchiata scappando verso l'aereo che lo riportava a Roma, dopo la fine della sua Presidenza  "parole, parole..."


 che suonano sinistramente come un'autoderisione della propria opera e come una presa in giro delle istituzioni europee, con le quali la "luna di miele"  sembra essersi ormai bella e  terminata.

mardi 16 décembre 2014

Podemos Syriza anche noi?

Concordo appieno con l'articolo di Lucano Gallino http://apocalisselaica.net/uno-tsipras-per-litalia/?utm_source=feedburner&utm_medium=twitter&utm_campaign=Feed%3A+ApocalisseLaicaPrimaPagina+%28Apocalisse+Laica%29 sulla necessità di creare, anche in Italia, un movimento progressista e non populista che si opponga con proposte alternative al discorso unico dell'austerità che l'UE ci propina e che provoca, ormai da diverso tempo, drammi sociali infiniti, anche in Italia.


 Le proposte, mettendo insieme quelle del partito Syriza in Grecia (accreditato come primo partito alle prossime elezioni,  per essersi opposto alla macelleria sociale subita dal Paese a seguito delle ricette della Troika) e di Podemos in Spagna (accreditato come primo partito col 27% dei voti) sono:




 - la rinegoziazione dell'inattuabile (secondo quanto ormai sostenuto anche da Romano Prodi) Patto di Stabilità, che prevede rigidi tassi di disavanzo del bilancio statale al 3% rispetto al PIL ed un tetto al debito pubblico del 60% rispetto al PIL, riguardo al cui non rispetto sono previste sanzioni finanziarie per gli Stati inadempienti;
-trovare una soluzione riguardo ai debiti pubblici accumulati;
- rendere la Banca Centrale europea soggetta ad un controllo democratico.

 Visti i disastri sociali creati dall'azione combinata della crisi economico-finanziaria e del governo liberista Renzi, sarebbe opportuno sviluppare dal basso, anche in Italia, un movimento progressista che sappia fare breccia, con argomenti fattuali e semplici, presso un'opinione pubblica sempre più scoraggiata e smarrita e quindi sempre più incline a lasciarsi sedurre dal facile populismo del Movimento 5 stelle o dal razzismo di una destra estrema, purtroppo in crescita esponenziale.



 Sarebbe opportuno che la "Società civile" italiana riesca ad essere all'altezza di questa difficilissima sfida, superando, con figure nuove ed autorevoli, la litigiosità e gli sterili narcisismi, che hanno caratterizzato in questo ventennio la sinistra radicale italiana.

Quanti diritti perderanno gli eterosessuali col matrimonio omosex?

jeudi 4 décembre 2014

Le nostre prigioni

Dostoievsky scriveva, per aver  ben conosciuto le carceri zariste, che "il grado di civiltà di  una società si misura dalle sue prigioni".

L'articolo 27 della nostra Costituzione recita "Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato".




Cosa dedurre allora dallo stato delle prigioni italiane, con una popolazione carceraria in crescita nel tempo, con 64323 detenuti,  di cui il 35% non sono italiani, rispetto ad una capienza di 47668 posti, ed in cui i detenuti sono costretti a stiparsi in otto dentro celle previste per quattro o per due, senza acqua calda ed aria a sufficicienza, dove si muore per suicidio o per pestaggi e dove sono all'ordine del giorno le situazioni di disagio ed i conseguenti atti di autolesionismo?



Secondo i dati del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria sul sovraffollamento delle carceri, con un tasso, a gennaio 2014, di 129 persone per 100 posti disponibili, l'Italia ricopre il poco invidiabile posto di terz'ultima tra 47 Paesi ,europei, dove soltanto la Serbia e la Grecia conoscono una situazione peggiore!

Per lo stato delle proprie carceri l'Italia é stata condannata l'8 gennaio 2013 dalla Corte Europea dei Diritti Umani a risarcire pecuniariamente i detenuti del carcere di Busto Arsizio e di Piacenza  costretti a convivere in tre metri quadri a testa.

La principale causa del sovraffollamento carcerario é dovuta al ricorso eccessivo da parte della magistratura dello strumento della "carcerazione preventiva". 

Le misure alternative alla detenzione (affidamento ai servizi sociali, semilibertà, arresti domiciliari) vengono concesse soltanto al 36% dei detenuti italiani, mentre questa media si eleva al 75% per paesi come la Francia o il Regno Unito.
Le misure alternative alla detenzione hanno il pregio di ridurre sensibilmente i costi per lo Stato, ed abbassano inoltre dappertutto il tasso di recidiva.

Riguardo alla rieducazione, riabilitazione e reinserimento dei carcerati, le statistiche italiane sono desolanti! 
In effetti, a giugno 2012 erano iscritti a corsi scolastici soltanto il 23,9% dei detenuti (di cui appena il 42,9 % ha superato con successo gli esami finali). A dicembre 2012 soltanto il 3% dei detenuti aveva terminato con successo una formazione professionale e soltanto il 21% dei detenuti esercitava un qualsiasi lavoro.

Di fronte a queste cifre disarmanti appare evidente come il tasso di recidiva non possa che essere elevatissimo, del 68,5% (dati del 2007) per i detenuti , mentre la recidiva si abbassa al 19% per coloro che hanno sperimentato pene alternative


L'Italia dovrebbe ispirarsi al migliore sistema carcerario in Europa, quello norvergese, improntato al reinserimento e che comporta un trattamento umano dei detenuti in locali adeguati, prevedendo la loro valorizzazione morale e materiale, attraverso un'attività lavorativa retribuita, l'uso di sale sportive, una convivenza ottimale tra detenuti e secondini (non armati), che prendono i pasti insieme e la possibilità di visite ai detenuti da parte delle famiglie, che possono pernottare in apposite strutture indipendenti dallo stabilimento penitenziario.




Con questi trattamenti la Norvegia riesce ad abbassare la percentuale della recidiva ad una percentuale compresa tra il 16 ed il 20% nei due anni che seguono la scarcerazione.

Di fronte alle cifre sovraesposte é evidente che il funzionamento del sistema carcerario italiano vada rivisto per i condannati a reati diversi da quelli mafiosi o di appartenenza a reti delinquenziali ad alta pericolosità (come quelle terroriste), con un maggior ricorso alle pene alternative, al lavoro in carcere e fuori dal carcere, che permette ai condannati la possibilità di un'autentica reinserzione sociale, una volta scontata la pena. 
Un'altra misura per sfoltire la popolazione dei condannati stranieri é la concretizzazione della possibilità di scontare la pena nei loro Paesi di origine, come previsto da convenzioni bilaterali firmate con l'Italia.




Quale ministro della giustizia italiano avrà finalmente  il coraggio di introdurre una riforma carceraria organica e degna di un Paese civile, invece di fare ricorso a controproduttivi indulti ed amniste, che, al solo fine di svuotare le carceri, rimettono in circolazione individui che non hanno effettuato nessun percorso rieducativo e di reinserzione sociale e che ritorneranno quindi di nuovo a delinquere e verosimilmente in prigione?


samedi 29 novembre 2014

Perché non potremo mai unirci ai cori razzisti o omofobi

Negli ultimi anni mi sono spesso vergognato di essere italiano.
Soprattutto quando vedo il mio amato Paese ricadere sempre nei soliti errori, vissuti prima con l'adesione cieca al ventennio fascista ed ultimamente a quello berlusconiano.
Questi periodi storici sono rusciti a tirare fuori il peggio dagli "italiani brava gente" contro i diversi, che lo siano per il colore della pelle, per la religione professata o per l'orientamento sessuale.

E questo triste andazzo continua!
 E' ormai diventato uno sport nazionale inveire contro gli immigrati, che non condividono i "nostri valori cristiani" o "che rubano il lavoro agli italiani", per non passare sotto silenzio i cori razzisti negli stadi contro giocatori di colore, le invettive contro la ministra di colore Kyienge e gli innumerevoli casi di bullismo e discriminazione contro gay e lesbiche.




Ricordiamo che il nazismo prese il sopravvento nel 1933 in una Germania rovinata dalla grave crisi economica del 1929.

Anche oggi l'Europa, in preda ad una forte disoccupazione ed alle onde lunghe della crisi economica- finanziaria del 2008, ha visto la rapida ascesa di svariati partiti anti-europei ed anti-immigrati, come il francese Front National, in mano a Marine le Pen, accreditato, col 26%, come primo partito alle presidenziali del 2017; lo Jobbik Ungherese che ha riscosso alle recenti europee quasi il 15% dei suffraggi; la neonazista Alba dorata in Grecia; l'olandese Partito della libertà di Geert Wilders, aspramente anti islamico; il partito del popolo danese, che ha riscosso alle europee il 27% dei suffraggi; e dulcis in fundo i nostrani Lega Nord, portata al governo da Forza Italia ai tempi di Umberto Bossi, ora in mano a Maroni, che viaggia nei sondaggi di nuovo oltre il 10% e Fratelli d'Italia che, insieme ad AN, si attesterebbe appena sotto il 3%.

Questi partiti hanno il tratto comune di rivolgersi ad un elettorato poco istruito e facilmente influenzabile, di pescare nel torbido, soffiando sull'odio razziale, e spesso  anche sull'omofobia, alimentando guerre contro i "diversi" e tra i "poveri di casa nostra" e gli immigrati.

Invece di lasciarci abbindolare da "crociate" contro facili capri espiatori, dovremmo ispirarci a società in cui la diversità etnica e dei costumi é considerata una ricchezza, dove la diversità contribuisce alla crescita economica e civile di tutto un Paese  e dove l'orientamento sessuale, almeno in questi ultimi anni, non ha inficiato il successo di una carriera.
Basti pensare agli Stati Uniti d'America, in cui italiani, irlandesi ed ebrei ne hanno costituito la spina dorsale, alimentando le fila della classe imprenditoriale, politica o artistica, che si chiamino Rotschild, Kennedy, Cimino o Coppola, che siano etero od omosessuali ed in cui, Barak Obama, una persona di colore, é infine stata eletta alla massima carica della nazione!


In diversi Paesi europei tantissime persone di altre nazionalità o etnie sono integrate e costituiscono un esempio, come gli innumerevoli presentatori o presentatrici televisivi che conducono in Francia o nel Regno Unito. Basti ricordare il rimpianto Komla Dumor alla BBC International o Harri Roselmack a TF1.
Alla stessa BBC International, hanno pure un'italiana, Daniela Ritorto, come anchor woman!



Che bel segnale di integrazione sarebbe per l'Italia avere dei giornalisti di colore o meticci come presentatori dei telegiornali a diffusione nazionale ed in prime time!

Per vivere in un mondo migliore, sarebbe ora che seguissimo tutti l'incoraggiamento di Martin Luter King: "Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo ancora imparato la semplice arte di vivere come fratelli"





mardi 16 septembre 2014

Chi vuole morire per l'Ucraina?

L'accordo di associazione UE-Ucraina
Oggi é stato ratificato dal Parlamento europeo e dal Parlamento ucraino l'accordo di associazione UE-Ucraina, accordo che l'ex presidente Yanukovich, a seguito delle pressioni russe, aveva rifiutato di firmare nel novembre 2013.



La mancata firma dell'accordo di associazione é stata alla base della rivolta ed ai morti di EuroMaidan del febbraio  2014, che aveva portato all'allontanamento dal potere di Yanukovich ed alla  formazione di un nuovo governo provvisorio filo-occidentale con alla testa Arseniy Yatsenyuk, non riconosciuto dalla Russia, che ha firmato l'accordo di associazione con l'UE ma che ha anche votato l'abolizione dell'uso ufficiale della lingua russa nel Paese.


La violazione del Memorandum di Budapest da parte dell'orso russo di fronte alle minacce di un' UE e di una NATO alle proprie porte 
 La Russia, sentitasi minacciata economicamente e politicamente dal riavvicinamento dell'Ucraina all'occidente ed all'UE, ha reagito con la forza,  accendendo la più grave crisi in Europa dalla seconda guerra mondiale, invadendo ed annettendo la Crimea praticamente senza sparare un colpo, e sostenendo l'insurrezione e  la secessione nelle provincie orientali di Donetsk e di Luhansk.

Il conflitto, tutt'ora in atto, nonostante un cessate il fuoco del 5 settembre, ha provocato diverse migliaia di morti di militari da ambo le parti, migliaia di morti civili ed oltre un milione di profughi attraverso l'Ucraina e la Russia .

Dal punto di vista giuridico ed internazionale é necessario ricordare il Memorandum di Budapest, firmato il 5 dicembre 1994, in base al quale, in cambio dello smantellamento degli armamenti atomici ereditati dall'URSS e distrutti in Russia,  e dell'adesione dell'Ucraina al trattato di non proliferazione nucleare, l'Ucraina ottiene dagli USA, Regno Unito e Russia formali garanzie sulla propria sicurezza, la propria indipendenza e la propria integrità territoriale.

Questo accordo é stato violato con l'annessione russa della Crimea, e con il sostegno russo alle milizie secessioniste nell'est dell'Ucraina, anche se la Russia ha sempre formalmente smentito di avere truppe sul territorio orientale Ucraino.


Escalation tra sanzioni e contro-sanzioni
In rappresaglia all'annessione della Crimea, gli USA e l'UE hanno adottato sanzioni progressive, che prevedono il divieto di spostamento sul loro territorio ed il gelo dei beni di di diverse autorità russe, nonché misure contro gli interessi delle banche ed il settore  petrolifero russo, inasprite dopo l'abbattimento il 17 luglio 2014 del jet della Malaysia airways  .

A queste sanzioni la Russia ha reagito con contro sanzioni che hanno colpito i prodotti ortofrutticoli, lattiero-caseari, a base di carne ed ittici in provenienza dell'UE e degli Stati Uniti.

Il gelo dell'accordo di libero scambio UE-Ucraina
Tuttavia l'accordo di associazione UE-Ucraina vede il giorno senza l'entrata in vigore del parallelo accordo di libero scambio, la cui entrata in vigore é stata rimandata al 2016.
Questo per non inasprire il conflitto con Mosca che con questo accordo vedrebbe i prodotti in provenienza dell'UE preferiti ad i propri in Ucraina e rischierebbe di vedere arrivare prodotti europei, attraverso l'Ucraina,  anche sui propri mercati.
Durante questo periodo di "stand still" l'UE applicherà dazi molto ridotti a certi prodotti ucraini, mentre Kiev potrà continuare a prelevare dazi doganali sui prodotti in provenienza dell'UE.

Questo periodo potrebbe anche essere benefico per l'Ucraina, se le autorità ucraine miglioreranno la competitività della propria economia, ancora largamente dipendente dall'interscambio con Mosca, eliminando anche le larghe sacche di corruzione che ne frenano lo sviluppo, prima di dovere fare entrare prodotti dall'UE liberi da dazi doganali.

In parallelo, sul piano interno l'Ucraina, ha oggi votato due leggi complementari all'accordo del cassate il fuoco, relative alle provincie orientali: una che accorda maggiore autonomia a queste provincie per un periodo triennale, compresa la nomina delle autorità giudiziarie locali e delle forze di polizia e che prepara elezioni locali per il mese di novembre ed un'altra legge, che accorda un'amnistia alle forze coinvolte nel conflitto , purché non colpevoli di assassinio, terrorismo, sabotaggio o di aver cercato di uccidere forze ucraine.

Conclusione
La prova di forza lanciata da Mosca in Ucraina sembra, per il momento, aver prodotto i propri effetti, perché Kiev, alla luce delle disfatte militari nelle  regioni orientali in mano ai separatisti, ha accordato uno statuto speciale alle proprie provincie orientali ed é stata ritardata l'entrata in vigore delle misure commerciali dell'accordo di libero scambio UE-Ucraina, sgradito a Mosca.

Anche un'eventuale richiesta dell'Ucraina di aderire alla NATO come membro a statuto pieno non ha una prospettiva di essere accettata, perché significherebbe un passo verso un conflitto NATO-Russia, in quanto  la Russia ha sempre fatto presente che considererebbe un Ucraina aderente alla NATO come una minaccia alla propria sicurezza.

Inoltre, al di là del sostegno verbale della NATO a Kiev, appare chiaro che dal lato atlantico non vi sia nessuna volontà politica di andare a combattere una guerra in Ucraina e  vedere i propri soldati morire per un governo che non ha saputo accordare al momento opportuno l'autonomia alle proprie regioni orientali e non ha tenuto conto della situazione geo-politica, nettamente in favore della potenza nucleare russa.

Inoltre, dietro un'apparente facciata di unità, i 28 dell'UE sono profondamente divisi riguardo alla politica di fermezza nei confronti della Russia, con da una parte, i falchi delle tre repubbliche baltiche (membri della NATO ma praticamente molto sguarnite ad un'eventuale offensiva militare russa) e la Polonia e dall'altra le colombe, guidate da Germania e Francia, che avrebbero tutto da perdere da un inasprirsi della crisi, a causa dei  forti legami commerciali che hanno con la Russia (ricordiamo a proposito il contratto tra Francia e Russia per la fornitura di diverse navi portaelicotteri della classe Mistral).

Da questa crisi ucraina emerge come la Russia,  abbia ben saputo sfruttare la situazione di fatto esistente, derivante da legami economici storici con l'Ucraina ed  abbia ben preparato in anticipo le carte militari da giocare sul tavolo, mentre l'UE e gli Stati Uniti sembrano essere stati sopraffatti dagli avvenimenti sul terreno, oltre a mostrare la propria debolezza negoziale, in quanto privi di contropartite economiche interessanti da offrire all'Ucraina.